Mais au fond, qu’est ce que la bibliographie ?

Non, non, je ne m’en vais pas rappeler les définitions de Marie-Noëlle Malclès, du moins pas cette fois. Je me demande plus exactement ce qu’est une bibliographie aujourd’hui. Cette question est le résultat d’informations récentes qui nous sont parvenues sur les avancées de projets du même type, qui ont entraîné des discussions entre William Kemp et moi, entre William Kemp et Henrik Vervliet…

Pendant que je réfléchissais à une tentative de mise au point de ce que doivent être aujourd’hui, à mon avis, les objectifs d’un tel travail, et  ce qui peut justifier les budgets que cela entraîne, je suis tombée sur un texte de Mario Infelise qui exprime à la perfection ce vers quoi me menaient mes réflexions. Il s’agit de son chapitre introductif « Questioni aperte sulla storia del libro nel XVIII secolo », publié dans les actes du colloque « Navigare nei mari dell’umano sapere » : biblioteche e circolazione libraria nel Trentino e nell’Italia del XVIII secolo. Atti del convegno di studio (Rovereto, 25-27 ottobre 2007), éd. Giancarlo Petrella, Trento, Provincia autonoma di Trento, Soprintendenza per i beni librari e archivistici, 2008 (Biblioteche e bibliotecari del Trentino, 6). J’étais en train de le lire car je dois en faire le compte rendu pour le BBF. Mario Infelise parle des difficultés que l’on rencontre à établir la bibliographie des livres des XVIIe et XVIIIe siècles italiens, mais ces difficultés existent tout autant pour les livres lyonnais du XVIe siècle.

Voici donc une citation de ce texte, qui se trouve p. XX-XXI, dont j’encourage vivement la lecture extensive :

« Fare cataloghi non  però un’operazione simplice. (…)

Negli scorsi anni ho diretto la realizzazione di un repertorio dedicato all’editoria veneziana del ‘600. Si sono potute recuperare notizie di oltre 20 000 edizioni, ma di queste, solo circa 6 000 edizioni sono quelle note (la grande letteratura, il libertinismo, la scienza, ecc.) perché presenti in quasi tutte le più importanti biblioteche nazionali d’Italia e nelle grandi collezioni straniere. Esiste però anche una grandissima quantità di libri di consumo di categorie diverse (religione, devozione, almanacchi, libretti, attualità, materiale scolastico, ecc.) che non sono mai stati porgettualmente conservati e si recuperano oggi solo in collezioni particolari o laterali, nelle biblioteche secondarie, nelle religiose non interessate dalle soppressioni sette e ottocentesche che hanno eliminato una gran quantità di libri ritenuti inutili. In effetti le biblioteche del Trentino hano spesso conservato moltissimo materiale che nel resto d’Italia è sparito, proprio perché questa zona ha avuto vicende diverse dal resto d’Italia. Allora, per realizzare repertori bibliografici affidabili, non bastra considerare le grandi biblioteche della penisola, ma occorre tenere in conto anche molte altre realà minore o laterali. ‘E ad esempio significativo considerare que l’Opac del Sistema bibliotecario nazionale [italien] segnali al momento cira il 10 % della produzione registrata da Ester [Editori e stampatori di Trento e Rovereto], a segno di come una ricerca diffusa sul territorio può servire ad integrare sensibilmente i dati.

Molta altra attenzione va riservata alle informazioni bibliografiche fornite dagli stessi prodotti editoriali : il ‘600, ma soprattutto il ‘700, sono maestri nel manomettere i dati bibliografici, cosicché una quantità considerevole delle informazioni ricavabili dai frontespizi sono falsificate e inducono in errore il lettore ingenuo. Gli Stati concedevano talvolta autorizzazioni alla stampa con falso luogo o sotto falsa data e le edizioni clandestine sono numerose. Un altro aspetto scivoloso della produzione settecentesca è il problema dei libri pubblicati senza indicazione della data. Si tratta di opere popolari o comunque dalla larga diffusione di solito insistentemente ristampate (…). Le registrazioni bibliografiche correnti (troppo sintetiche per giungere a tale grado di dettaglio) non sono in grado di registrare queste diverse edizioni che si succedono nel tempo. Occorre dunque sviluppare una buone dose di consapevolezza bibliografica per rendersi conto di questi diversi aspetti. Redigere una bibliografia non significa copiare passivamente le informazioni dai frontespizi, ma cercare di ricostruire il DNA di un libro (come ama dire Neil Harris). »

Mario Infelise, « Questioni aperte sulla storia del libro nel XVIII secolo ».


Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *